Covid e Banca Mondiale, accelerare le sovvenzioni per la vaccinazione globale

Covid e Banca Mondiale

Le istituzioni finanziarie internazionali affermano che i vaccini sono l'investimento con il più alto rendimento sulla Terra: è ormai tempo che paghino.

"Un giorno i miei nipoti leggeranno come squadre di scienziati di tutto il mondo hanno sviluppato vaccini contro il COVID-19 entro un anno. Leggeranno anche una storia più triste: come sono morte milioni di persone nei paesi a basso e medio reddito (LMIC) dopo che quei vaccini sono arrivati ​​sul mercato. Parte del motivo, impareranno, è stata la mancanza di finanziamenti per acquistare i vaccini." Lo afferma Justin Sandefur, ricercatore e senior fellow presso il Center for Global Development di Washington DC, USA.

"All'inizio di questo mese, i leader del gruppo G7 dei paesi ricchi hanno messo insieme un piano per donare un miliardo di dosi di vaccino agli LMIC, ma il rompicapo rimane: perché la Banca mondiale non l'ha fatto mesi fa?

La banca è entrata nella pandemia sia con i soldi che il mandato per finanziare rapidamente una campagna di vaccinazione globale. Aveva circa 50 miliardi di dollari disponibili in sovvenzioni e altri 100 miliardi di dollari in capacità di prestito. Ma è mancata leadership e flessibilità. A ottobre, la banca ha promesso prestiti per 12 miliardi di dollari per l'acquisto e la distribuzione di vaccini, test e cure. Otto mesi dopo, aveva prestato solo $ 3,6 miliardi. I paesi poveri, impantanati nel debito, sono cauti nell'assumere di più. La banca dovrebbe essere un'organizzazione multilaterale veloce, flessibile e intelligente in grado di agire in caso di crisi. Ma ci sono voluti mesi per farlo, sacrificando la vita delle persone e la propria rilevanza.

Più di un anno fa, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e altre organizzazioni sanitarie globali hanno lanciato l'iniziativa COVAX, parte del suo più ampio programma Access to COVID-19 Tools Accelerator (ACT-A) per fornire test, cure e vaccini a ricchi e paesi poveri allo stesso modo. Ma COVAX e ACT-A sono ricettacoli per il denaro dei donatori, non fonti di finanziamento. Questo mese, ACT-A ha annunciato che ha ancora bisogno di 21 miliardi di dollari.

Nel frattempo, la Banca Mondiale è sembrata riluttante a rilasciare denaro per i vaccini. Per mesi ha imposto ostacoli al di là degli standard di ogni singola severa autorità di regolamentazione o del sistema di prequalificazione dell'OMS per i prodotti sanitari. Il processo di approvvigionamento per il vaccino Oxford-AstraZeneca, ad esempio, non era ammissibile al sostegno della Banca mondiale fino a quasi due mesi dopo che il Regno Unito aveva iniziato a lanciare il vaccino a gennaio, sprecando tempo prezioso. (La banca ha allentato i suoi requisiti dopo una revisione ad aprile.)

Questi fallimenti dilapidano i frutti della ricerca. Gli enormi contributi che la scienza può dare alla salute pubblica, alla riduzione della povertà e allo sviluppo arrivano in gran parte sotto forma di beni pubblici. Queste sono idee e tecnologie che hanno grandi benefici globali, ma che ogni singolo paese, specialmente quelli poveri, potrebbe essere riluttante a pagare da solo. La pandemia di COVID-19 sta rivelando l'incapacità o la riluttanza della Banca mondiale di investire in questi beni.

La banca ha impiegato fino al mese scorso per emettere un piano per sistemare le cose. Il 31 maggio, il suo presidente, David Malpass, ha scritto una dichiarazione congiunta con i capi del Fondo monetario internazionale (FMI), dell'Organizzazione mondiale del commercio e dell'OMS. Ha richiesto 50 miliardi di dollari di nuova spesa pubblica per accelerare la vaccinazione contro il COVID-19 nei LMIC, con almeno 35 miliardi di dollari in sovvenzioni a quei paesi per acquistare vaccini e costruire i loro sistemi sanitari. In un documento di riferimento, il capo economista del FMI, Gita Gopinath, ha definito questo piano " probabilmente l'investimento pubblico con il più alto rendimento di sempre ", con il potenziale di generare 9 trilioni di dollari in altre uscite, oltre ai benefici diretti per la salute.

Ma la proposta aveva un'evidente debolezza: nessuna di queste istituzioni si era offerta volontaria di pagarla.

Per essere onesti, il presidente della Banca Mondiale non può semplicemente regalare 50 miliardi di dollari. Ciò limiterebbe la capacità della banca di continuare a concedere prestiti nel 2022 e oltre, facendo arrabbiare anche gli LMIC. E i suoi maggiori azionisti, inclusi gli Stati Uniti e altri paesi ricchi, dovrebbero essere a bordo. In tal caso, di fronte a una leadership della Banca Mondiale che sta trascinando i piedi, potrebbero anche acquistare direttamente i vaccini, secondo l'ultimo piano del G7.

Quindi ora? La banca deve ammorbidire i termini dei suoi prestiti per i sistemi sanitari e liberare più dei suoi 12 miliardi di dollari come sovvenzioni per l'acquisto di vaccini. Più a lungo aspetta, meno bene farà al suo denaro.

Il destino del mondo non dovrebbe dipendere, diciamo, dalla volontà del Kenya di contrarre ulteriori debiti. Le epidemie incontrollate uccidono e disabilitano e sono terreno fertile per nuove varianti, che non rispettano i confini nazionali. Anche in termini economici più ristretti, il FMI stima che la sua proposta da 50 miliardi di dollari di aumentare il tasso di vaccinazione target per gli LMIC dal 30% al 40% entro la fine del 2021 stimolerebbe l'attività economica globale, generando 1 trilione di dollari per le economie avanzate in tasse extra solo entrate. Non è realistico, per non dire ingiusto, aspettarsi che i paesi a basso reddito paghino per questo.

Per ottenere la massima diffusione possibile dei vaccini è necessario che siano gratuiti per gli individui. La stessa logica si applica ai paesi, almeno in una certa misura.

Una miriade di altri vincoli – limitazioni dell'offerta, divieti di esportazione e sistemi sanitari nazionali deboli – continueranno a limitare l'accesso ai vaccini COVID-19 negli LMIC fino al 2022. La Banca Mondiale dovrebbe garantire che la finanza non sia uno di questi.

La banca dice che sta facendo tutto il possibile. Forse sì, per i tempi normali. Ma altri settori hanno saputo innovare e spingere le proprie capacità durante questa straordinaria sfida. Se c'è mai stato un momento per rompere la banca, è questo.

Traduzione da Nature

Articoli Correlati

Go up