Azione per il clima, i progressi realizzati nel 2022

clima, i progressi fatti

Ci sono stati progressi nell'azione per il clima nel 2022? Ecco alcune delle migliori notizie per chi potrebbe aver bisogno di un po' di speranza e ispirazione.

Veicoli elettrici

I trasporti sono responsabili di una quota enorme delle emissioni di gas serra. L'unico modo per azzerare queste emissioni è smettere di bruciare combustibili fossili in treni, aerei e automobili. Abbiamo fatto molti progressi su questo negli ultimi sei mesi.

Le vendite di veicoli elettrici sono in forte espansione

Negli Stati Uniti, le vendite di veicoli elettrici sono cresciute del 76% nel primo trimestre dell'anno, abbastanza da raddoppiare la loro quota di vendite di auto nuove dal 2,5% al ​​5,2%.

Nel frattempo, in Europa, i veicoli elettrici plug-in hanno rappresentato il 22% di tutte le nuove vendite di veicoli passeggeri nel primo trimestre dell'anno.

In Cina, la crescita dei veicoli elettrici è stata ancora più forte . Nel primo trimestre del 2022, le vendite di auto plug-in sono aumentate del 130% rispetto all'anno precedente, portando la quota totale delle vendite di auto nuove al 21%.

Gli stati vietano le auto a gas

Naturalmente, il mercato da solo non basterà a decarbonizzare il settore dei trasporti. Per prevenire cambiamenti climatici catastrofici, abbiamo bisogno di politiche.

A marzo, lo stato di Washington ha approvato un disegno di legge che vieta la vendita di auto a gas dopo il 2030. Sebbene il disegno di legge di Washington sia considerato il più ambizioso, non sono i soli: altri 12 stati richiederanno veicoli elettrici entro il 2035.

Le case automobilistiche finalmente investono in veicoli elettrici

Qualcuno che ha visto il film “ Chi ha ucciso l'auto elettrica? " sa che le grandi case automobilistiche hanno combattuto con le unghie e con i denti per continuare a vendere veicoli che consumano gas. Ma sembra che stiano finalmente salendo sul carro elettrico.

A dicembre, la General Motors ha annunciato che investirà 7 miliardi di dollari per costruire un impianto di batterie nel Michigan e adattare una fabbrica esistente per produrre camioncini elettrici.

Ciò è avvenuto appena un mese dopo che Toyota, la più grande casa automobilistica del mondo, ha annunciato che avrebbe investito 1,3 miliardi di dollari in un impianto di batterie per auto elettriche nella Carolina del Nord. Allo stesso modo, Ford ha annunciato un piano da 11,4 miliardi di dollari per costruire quattro fabbriche di veicoli elettrici.

Elettricità pulita

Una delle migliori storie dell'ultimo decennio è stata il declino del carbone e l'aumento delle energie rinnovabili. Nonostante alcuni recenti intoppi , sembra che la rivoluzione dell'energia pulita stia accelerando rapidamente.

Il declino dell'energia a carbone continua

Ad aprile, Global Energy Monitor ha pubblicato un rapporto che mostra che i paesi hanno continuato a costruire meno centrali elettriche a carbone nel 2021 e hanno ritirato molte di quelle esistenti.

E mentre gli Stati Uniti non stanno ritirando le centrali elettriche a carbone abbastanza velocemente per raggiungere i loro obiettivi climatici, la US Energy Information Administration prevede che 12,6 gigawatt (GW) di capacità di carbone andranno in pensione quest'anno. Questo è l'equivalente di circa 5 milioni di case di elettricità sporca che andranno offline.

Gli Stati Uniti stanno finalmente costruendo l'eolico offshore

Oggi ci sono solo due parchi eolici offshore che operano negli Stati Uniti, con un'imbarazzante capacità di 42 megawatt (MW). In confronto, l'Europa ha una capacità eolica offshore circa 1.000 volte maggiore rispetto agli Stati Uniti.

Quando l'amministrazione Biden-Harris è entrata in carica, ha fissato l'obiettivo di 30 GW di eolico offshore entro il 2030. A febbraio, hanno compiuto il passo più grande verso il raggiungimento di tale obiettivo quando l'asta eolica offshore del Dipartimento degli interni degli Stati Uniti ha attirato un'enorme offerta per un valore di 4,37 miliardi di dollari . In confronto, l'ultima asta offshore di petrolio e gas ha attirato offerte per 192 milioni di dollari.

Una volta costruiti, i nuovi parchi eolici potrebbero fornire elettricità sufficiente per alimentare circa 2 milioni di case.

E il Dipartimento dell'Interno ha appena iniziato. Pochi mesi dopo la loro asta da record, hanno tenuto un'altra asta che potrebbe fornire 1 GW di capacità eolica offshore al largo della costa della Carolina, sufficiente per alimentare circa 500.000 case.

L'Europa continua a costruire eolico offshore

Nel frattempo, l'Europa continua a far sembrare insignificanti le ambizioni climatiche degli Stati Uniti. All'inizio di questo mese, quattro paesi europei hanno annunciato che costruiranno 150 GW (50 milioni di case del valore) di capacità eolica offshore nel Mare del Nord entro il 2050.

L'annuncio arriva mentre l'Europa sta facendo tutto il possibile per ridurre la propria dipendenza dai combustibili fossili russi.

La Cina annuncia nuove “basi energetiche pulite”

Poche settimane prima dell'annuncio dell'Europa, la Cina ha propagandato un piano per l'energia pulita ancora più ambizioso. Solo nei prossimi cinque anni, la Cina costruirà l'incredibile cifra di 570 GW di energia eolica e solare .

Per metterlo in prospettiva, in soli cinque anni, la Cina prevede di costruire più eolico e solare di quanto i primi 5 paesi (Stati Uniti, Germania, India, Giappone e Spagna), messi insieme, abbiano mai costruito.

(grafico che mostra il piano cinese rispetto agli attuali paesi in cima alla classifica )

Le centrali nucleari esistenti ottengono un'ancora di salvezza

Per decenni, la crescita dell'energia nucleare negli Stati Uniti e in altri paesi sviluppati è in declino. Questo è un problema, dato che le centrali nucleari forniscono un'enorme quantità di elettricità mondiale senza emissioni di carbonio.

Le due ragioni principali del declino del nucleare sono la politica e l'aumento dei costi operativi. Quest'anno ci sono state buone notizie su entrambi i fronti.

Ad aprile l'amministrazione Biden ha aperto le domande per un programma da 6 miliardi di dollari per sostenere finanziariamente gli impianti nucleari esistenti. Poche settimane dopo, il governatore della California Gavin Newson ha annunciato che potrebbe prolungare la vita di una delle più grandi centrali nucleari dello stato, il Diablo Canyon. L'impianto potrebbe essere la chiave per la California che raggiunge i suoi obiettivi climatici , bilanciando la sua rete nel tempo.

Edifici

Gli edifici sono responsabili del 40% delle emissioni a livello globale. Uno dei modi più efficaci per ridurre a zero le emissioni legate agli edifici è smettere di utilizzare combustibili fossili per il riscaldamento e l'elettricità ed elettrificare tutto. Come altri settori, questo non sta avvenendo abbastanza velocemente, ma la transizione sta guadagnando slancio.

Crescono le installazioni di pompe di calore

Le pompe di calore sono 2-4 volte più efficienti dal punto di vista energetico rispetto ai tradizionali sistemi di riscaldamento e raffreddamento. Secondo una recente analisi di Carbon Switch , le pompe di calore possono ridurre le emissioni di 142 milioni di tonnellate nel solo settore degli alloggi unifamiliari statunitensi.

A marzo, Jan Rosenow e Duncan Gibb hanno rilasciato nuovi dati che mostrano che le vendite di pompe di calore sono in crescita nei paesi di tutto il mondo. Hanno scoperto che in Europa le vendite di pompe di calore sono cresciute del 25%, mentre negli Stati Uniti sono cresciute del 15%.

Gli Stati Uniti intendono ratificare l'accordo di Kigali

Dopo anni di opposizione, i repubblicani nella commissione per le relazioni estere del Senato hanno votato per spostare la ratifica dell'accordo di Kigali a un voto di platea. La ratifica dell'accordo di Kigali vieterebbe di fatto gli idrofluorocarburi (HFC), potenti gas serra presenti in molti condizionatori d'aria e frigoriferi.

Il potenziale impatto di questo? Secondo l'EPA , "L'ambizioso programma di riduzione graduale eviterà più di 80 miliardi di tonnellate di emissioni equivalenti di anidride carbonica entro il 2050, evitando un riscaldamento fino a 0,5° Celsius entro la fine del secolo, pur continuando a proteggere lo strato di ozono".

Stati e paesi dell'UE vietano i combustibili fossili

Per limitare il riscaldamento a 1,5 gradi, i governi di tutto il mondo devono vietare i sistemi di riscaldamento a combustibili fossili entro il 2025, secondo l'IEA . Ma la politica di questo è stata complicata, a causa della forte opposizione dei lobbisti dei combustibili fossili.

Nel dicembre del 2021, New York City ha fatto notizia quando ha vietato i combustibili fossili nei nuovi edifici a partire dal 2023.

Pochi mesi dopo, Washington è diventato il primo stato a vietare i combustibili fossili negli edifici commerciali. Lo stato prevede di vietare i combustibili fossili negli edifici residenziali entro la fine dell'anno.

In Europa, Danimarca e Paesi Bassi si sono uniti a Germania e Regno Unito quando hanno annunciato l'eliminazione graduale dei combustibili fossili dagli edifici.

Altre buone notizie

175 nazioni accettano di limitare la produzione di plastica

Per fare plastica oggi, ci vuole olio. Quindi non solo la roba inquina i nostri oceani, ma provoca anche il cambiamento climatico. A marzo, 175 nazioni hanno concordato di scrivere un trattato che limiterebbe la crescita della produzione di plastica.

Le aziende tecnologiche impegnano 900 milioni di dollari per la rimozione del carbonio

Che ci piaccia o no, probabilmente avremo bisogno di rimuovere molto carbonio dall'atmosfera per limitare il riscaldamento globale. Ad aprile, alcune delle più grandi aziende tecnologiche del mondo hanno annunciato un piano per aumentare drasticamente i finanziamenti per la rimozione del carbonio.

Gli attuali impegni per lo zero netto potrebbero limitare il riscaldamento al di sotto dei 2°

Ad aprile, Zeke Hausfather e Francis Moore hanno pubblicato un documento che mostra che se i paesi si attengono alle loro promesse di zero netto - ancora un "se" molto grande - il riscaldamento globale potrebbe rimanere al di sotto dei 2 gradi Celsius.

Un pianeta più caldo di 2 gradi non è motivo per un festival di strada. Ma vale la pena notare che alcuni anni fa, la maggior parte degli scienziati del clima pensava che fossimo diretti verso 3-4 gradi di riscaldamento. Questo è il progresso.

La SEC annuncia nuove regole di rendicontazione climatica

A marzo, la SEC ha proposto nuove regole che richiederebbero alle società pubbliche di segnalare le loro emissioni di gas serra e come il cambiamento climatico sta influenzando le loro attività. Una contabilità pubblica e regolamentata di cui le aziende producono più carbonio è un buon dato su cui lavorare.

Il grande petrolio non sta investendo come una volta

Nel 2013, l'ultima volta che i prezzi del petrolio hanno superato i 100 dollari al barile, le compagnie petrolifere hanno investito più di 150 miliardi di dollari in nuova produzione. Quest'anno i prezzi del petrolio hanno superato i 100 dollari al barile, ma le aziende stanno pianificando di investire la metà in nuova produzione, principalmente a causa del fatto che gli investitori non vedono un futuro brillante per i combustibili fossili.

Gli assicuratori non supportano i progetti petroliferi

Il mese scorso, Swiss RE, il secondo più grande riassicuratore al mondo, ha annunciato che avrebbe riassicurato solo le società che si allineano agli obiettivi di zero netto basati sulla scienza. In tal modo, sono diventate la decima grande compagnia di assicurazioni ad adottare restrizioni su petrolio e gas.

Gli Stati continuano a fare da apripista

Per anni, gli stati blu hanno riempito il vuoto di azione per il clima lasciato dal nostro governo federale paralizzato. Negli ultimi mesi, quella tendenza è solo proseguita. Quest'anno è stata approvata una bolletta dell'elettricità pulita al 100% in Connecticut , una bolletta zero netto nel Maryland e, in qualche modo sorprendentemente, un impegno zero netto dalla Carolina del Nord .

Una piccola buona notizia non basta

Naturalmente, nessuno di questi progressi è sufficiente per evitare cambiamenti climatici catastrofici. Una delle cose più frustranti di questo problema è che per risolverlo abbiamo bisogno di un'azione senza precedenti in ogni settore in ogni paese del mondo.

Come dice il professore di Princeton Jesse Jenkins, "Dobbiamo battere record ogni anno praticamente per il resto della mia vita"

Andiamo a distruggere quei record.

Fonte: Carbon Switch

Articoli Correlati

Go up