Antartide, lo scioglimento del ghiaccio può sconvolgere gli oceani

Distacco di ghiaccio in Antartide

Un'importante circolazione oceanica che si forma intorno all'Antartide potrebbe essere destinata al collasso, rischiando cambiamenti significativi al clima mondiale, ai livelli del mare e alla salute degli ecosistemi marini, affermano gli scienziati, offrendo un severo avvertimento sui crescenti impatti del cambiamento climatico.

Il riscaldamento globale sta accelerando lo scioglimento dei ghiacci in Antartide e la maggiore quantità di inondazioni di acqua dolce nell'oceano sta interrompendo il flusso della circolazione ribaltante antartica, secondo uno studio pubblicato mercoledì sulla rivista Nature.

La circolazione ribaltante antartica fa parte di una rete globale di correnti che spostano calore, ossigeno e sostanze nutritive in tutto il mondo.

Acqua salata fredda scende verso gli abissi oceanici

Vicino all'Antartide, l'acqua salata fredda scende a profondità superiori a 4.000 m. L'affondamento dell'acqua densa e ossigenata aiuta a guidare il flusso più profondo della circolazione ribaltante. L'acqua scorre verso nord, trasportando ossigeno e sostanze nutritive negli oceani Indiano, Pacifico e Atlantico. Un processo simile si verifica anche al largo della Groenlandia.

"I cambiamenti che avvengono in un luogo, come l'Antartide, possono quindi avere un'influenza globale perché quelle acque si muovono in tutto il pianeta", ha detto la coautrice dello studio Adele Morrison, ricercatrice della Research School of Earth Sciences presso l'Australian National Università di Canberra.

Ma ci sono segni che la circolazione ribaltata stia rallentando, interrotta dalla crescente quantità di acqua di disgelo proveniente dall'Antartide che sta rendendo le acque meno salate, e quindi meno dense e senza capacità di affondare con la stessa forza.

E lo scioglimento è in aumento poiché quantità crescenti di emissioni di gas serra, principalmente dalla combustione di combustibili fossili, stanno riscaldando l'atmosfera e gli oceani.

“La nostra modellazione mostra che se le emissioni globali di carbonio continuano al ritmo attuale, il ribaltamento antartico rallenterà di oltre il 40% nei prossimi 30 anni e su una traiettoria che sembra diretta al collasso”, ha affermato il coautore Matthew England, vicedirettore dell'ARC Center for Excellence in Antarctic Science presso l'Università del New South Wales a Sydney.

Il team internazionale di scienziati ha modellato la quantità di acque profonde antartiche prodotte in uno scenario di serra ad alte emissioni fino al 2050.

Un crollo della corrente oceanica profonda causerebbe il ristagno degli oceani al di sotto dei 4.000 m.

"Ciò intrappolerebbe i nutrienti nell'oceano profondo, riducendo i nutrienti disponibili per sostenere la vita marina vicino alla superficie dell'oceano", ha affermato il professor England in una nota. Ciò significa che gli ecosistemi marini in superficie morirebbero lentamente di fame. Anche lo scioglimento dei ghiacci polari in Antartide e Groenlandia accelererà l'innalzamento del livello del mare.

Acque calde si spostano verso sud

"Il nostro studio mostra che lo scioglimento del ghiaccio colpisce l'oceano in un modo che può accelerare il ritmo dell'innalzamento del livello del mare, cioè un feedback positivo", ha detto il coautore Steve Rintoul a The Straits Times.

“Poiché l'acqua dolce aggiunta dallo scioglimento dei ghiacci rallenta la formazione di acqua di fondo fredda e densa, l'acqua più calda a profondità minori si sposta verso sud per sostituirla. Lo spostamento delle acque calde più vicino all'Antartide significa che è disponibile più calore per guidare ancora di più lo scioglimento", ha affermato il dott. Rintoul, oceanografo e scienziato del clima presso l'agenzia scientifica nazionale australiana CSIRO a Hobart.

Altri impatti di un rallentamento significano che meno calore e carbonio potrebbero essere immagazzinati nell'oceano, determinando un cambiamento climatico più rapido.

“Gli effetti possono estendersi lontano dall'Antartide; altri studi hanno dimostrato che un rallentamento del ribaltamento antartico sposta le bande di pioggia tropicale dalla loro posizione abituale", ha affermato.

Gli oceani del mondo immagazzinano enormi quantità di calore, assorbendo oltre il 90% del riscaldamento che si è verificato negli ultimi decenni a causa dell'aumento dei gas serra. Gran parte del calore si trova negli strati superficiali superiori, ma anche l'oceano profondo si sta lentamente riscaldando. Gli oceani assorbono anche circa un quarto di tutte le emissioni di anidride carbonica dovute all'attività umana.

Antartide

"Lo studio mostra che il cambiamento climatico sta già colpendo tutto il globo, anche l'Antartide e le parti più profonde dell'oceano", ha affermato il dott. Rintoul, aggiungendo che i cambiamenti nelle profondità dell'oceano sono stati sorprendentemente ampi e rapidi.

Le decisioni di effettuare tagli profondi e rapidi alle emissioni di gas serra possono limitare i danni.

"Se le emissioni sono inferiori, gli impatti saranno inferiori, e questo è un punto importante", ha affermato il dott. Rintoul.

“Ogni 0,1 gradi C di riscaldamento che possiamo evitare riduce il rischio di cambiamenti climatici dannosi. Prima e più forte agiamo, minore è il rischio", ha affermato.

Traduzione da The Straits Times

Articoli Correlati

Go up