Gas dal Nord Stream

Nord Stream, contaminazioni da armi chimiche?

News

I ricercatori si stanno affrettando a scoprire se le esplosioni nei gasdotti del Nord Stream abbiano causato ulteriore caos ambientale sollevando inquinanti dalle armi chimiche scaricate dopo la seconda guerra mondiale.

Le esplosioni che hanno rotto gli oleodotti nel Mar Baltico il 26 settembre sono avvenute molto vicino all’isola danese di Bornholm, un’area in cui nel 1947 furono scaricati agenti di guerra chimica immagazzinati nell’ambito della smilitarizzazione postbellica della Germania.

Circa 32.000 tonnellate di armi chimiche, contenenti circa 11.000 tonnellate di agenti di guerra chimica attivi, sono state smaltite nel sito, afferma Hans Sanderson, scienziato ambientale dell’Università di Aarhus in Danimarca. Nel corso del tempo, gli involucri di metallo della maggior parte delle testate scartate si sono probabilmente corrosi, provocando la lisciviazione del contenuto nel sedimento circostante. Sanderson è preoccupato che la violenta espulsione di metano dal gasdotto rotto possa aver inviato quei contaminanti nella colonna d’acqua, dove potrebbero danneggiare la fauna marina. I contaminanti includono l’isotopo radioattivo cesio-137, sostanze chimiche tossiche ignifughe chiamate eteri di difenile polibromurati e metalli pesanti tra cui mercurio, cadmio e piombo.

“Il Mar Baltico è fondamentalmente uno dei mari più inquinati del pianeta. Quindi questo sedimento qui è pieno di spazzatura”, afferma Sanderson, che è stato coinvolto nella valutazione dell’impatto ambientale quando sono stati originariamente posati i gasdotti Nord Stream. “Queste esplosioni sono avvenute [anche] il più vicino possibile alla discarica di queste armi chimiche”.

Sedimenti “soffici”

Quando ha visto le immagini del metano rilasciato gorgogliare su un’ampia area intorno al gasdotto rotto, “mi sono reso conto che c’era molto sedimento che sarebbe stato rigettato nella colonna d’acqua”, dice Sanderson. “Questi sedimenti sono molto sciolti là fuori, quindi sono soffici e molto mobili. Quindi molti sedimenti possono essere risospesi”. Il suo team sta ora utilizzando i dati del monitoraggio in corso nell’area per modellare l’entità della dispersione dei sedimenti causata dalle esplosioni. Il gruppo utilizzerà quindi le soglie di tossicità per varie specie marine per indagare se è probabile che ci sia stato un danno significativo alla vita marina. I ricercatori hanno anche iniziato a prelevare campioni di acqua di mare e sedimenti dall’area per migliorare l’accuratezza dei loro modelli.

Qualsiasi sedimento che è stato disturbato rimarrà sospeso nell’acqua di mare per molto tempo, afferma Sanderson. Il Mar Baltico è relativamente statico, senza maree o correnti significative. Inoltre, il gradiente di temperatura nella colonna d’acqua significa che l’acqua viene separata in strati che non si mescolano bene. “Questo pennacchio non si risolverà di nuovo rapidamente”, afferma.

“Penso che ci sia motivo di preoccupazione”, afferma Rodney Forster, uno scienziato marino dell’Università di Hull, nel Regno Unito, che ha lavorato molto nel Mar Baltico. Date le dimensioni e le dimensioni della fuga di metano, dice, “verranno rimobilitate quantità piuttosto grandi di sedimenti”.

Diffusione più ampia

Il Mar Baltico è stato dragato per molti anni dai pescherecci, il che disturba anche i sedimenti. Ferdinand Oberle, geologo presso il Pacific Coastal and Marine Science Center dell’US Geological Survey a Santa Cruz, in California, ha studiato come la pesca a strascico ha influenzato i sedimenti in quest’area. “La pesca a strascico è avvenuta frequentemente nell’area della discarica di Bornholm durante la seconda guerra mondiale”, afferma. Qualsiasi sedimento che era già stato sospeso nell’acqua da questa attività potrebbe ora essere diffuso più lontano dalle esplosioni, aggiunge.

l potenziale danno alla fauna selvatica potrebbe essere mitigato dal momento dell’esplosione, afferma John Bothwell, biochimico marino della Durham University, nel Regno Unito. “I cicli della vita marina di solito iniziano a rallentare per l’inverno entro la metà di ottobre”, afferma. Il sito dell’esplosione si trova in un’area di riproduzione del merluzzo, ma la deposizione delle uova di solito avviene in primavera. “Ma ci sono ancora molte cose che possono essere danneggiate: le fioriture algali tardive non sono rare in questo periodo dell’anno e avrebbero effetti a catena se danneggiate”, aggiunge Bothwell.

Forster afferma che gli scienziati con sede nei paesi confinanti con l’area potrebbero fornire dati utili. “Germania, Svezia e Danimarca hanno tutte buone navi da ricerca nell’area, circondate da una concentrazione piuttosto alta di attività scientifica”. Qualsiasi sedimento trasportato fino alla superficie dovrebbe essere visibile nelle immagini dei satelliti, afferma Forster.

I risultati impiegheranno del tempo per arrivare e Sanderson è ansioso di vedere cosa mostrano. “Sono preoccupato per il fatto che si tratti di un sedimento fortemente inquinato”, dice, “e che questo sedimento contaminato sarà biodisponibile e quindi potrebbe causare problemi”.

“Dobbiamo solo scoprire se questo è il caso o no – e in questo momento, non lo so davvero”.

Fonte: Nature

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *