Covid, come la variante Delta raggiunge la sua diffusione ultraveloce

Coronavirus variante Delta
Secondo uno studio in Cina, la carica virale è circa 1.000 volte superiore nelle persone infette dalla variante Delta rispetto a quelle infette dal ceppo originale di coronavirus

Dalla prima apparizione in India alla fine del 2020, la variante Delta di SARS-CoV-2 è diventata il ceppo predominante in gran parte del mondo. I ricercatori potrebbero ora sapere perché Delta ha avuto così tanto successo: le persone infette producono molto più virus di quelle infette dalla versione originale di SARS-CoV-2, rendendolo molto facile da diffondere.

Secondo le stime attuali, la variante Delta potrebbe essere trasmissibile più del doppio rispetto al ceppo originale di SARS-CoV-2. Per scoprire perché, l'epidemiologo Jing Lu presso il Centro provinciale per il controllo e la prevenzione delle malattie del Guangdong a Guangzhou, in Cina, e i suoi colleghi hanno monitorato 62 persone che sono state messe in quarantena dopo l'esposizione a COVID-19 e che sono state alcune delle prime persone nella Cina continentale a essere infettato dal ceppo Delta.

Il team ha testato la "carica virale" dei partecipanti allo studio - una misura della densità delle particelle virali nel corpo - ogni giorno durante il corso dell'infezione per vedere come è cambiata nel tempo. I ricercatori hanno quindi confrontato i modelli di infezione dei partecipanti con quelli di 63 persone che hanno contratto il ceppo SARS-CoV-2 originale nel 2020.

In un preprint pubblicato il 12 luglio, i ricercatori riferiscono che il virus è stato rilevabile per la prima volta nelle persone con la variante Delta quattro giorni dopo l'esposizione, rispetto a una media di sei giorni tra le persone con il ceppo originale, suggerendo che Delta si replica molto più velocemente. 

Gli individui infettati da Delta avevano anche cariche virali fino a 1.260 volte superiori a quelle delle persone infette dal ceppo originale.

La combinazione di un numero elevato di virus e un breve periodo di incubazione ha senso come spiegazione per l'elevata trasmissibilità di Delta, afferma l'epidemiologo Benjamin Cowling dell'Università di Hong Kong. L'enorme quantità di virus nel tratto respiratorio significa che è probabile che gli eventi di super diffusione infettino ancora più persone e che le persone potrebbero iniziare prima a diffondere il virus, dopo essere state infettate.

E la breve incubazione rende più difficile la tracciabilità dei contatti in paesi come la Cina, che tiene traccia sistematicamente dei contatti di ogni persona infetta e ne richiede la quarantena. 

"Mettendo tutto insieme, Delta è davvero difficile da fermare", dice Cowling.

La ricercatrice genetica Emma Hodcroft dell'Università di Berna in Svizzera concorda sul fatto che il meccanismo abbia senso. Lei e Cowling sospettano entrambi che le stime dell'esatta differenza nella carica virale tra Delta e il ceppo originale probabilmente cambieranno man mano che più scienziati studiano il virus in varie popolazioni.

Una serie di altre domande sulla variante Delta rimangono senza risposta. Non è ancora chiaro, ad esempio, se sia più probabile che causi una malattia grave rispetto al ceppo originale e quanto sia bravo a eludere il sistema immunitario. Hodcroft prevede che alcune di queste informazioni emergeranno man mano che i ricercatori esamineranno più da vicino popolazioni più ampie e diversificate di persone infette da Delta e altre varianti. "Questo virus ci ha sorpreso", dice.

Traduzione da Nature

 

Articoli Correlati

Go up