In che modo Pechino ospita le Olimpiadi invernali senza neve?

Olimpiadi invernali Cina

Le Olimpiadi invernali di quest'anno a Pechino vedono 91 paesi competere in sport su neve e ghiaccio, la stragrande maggioranza dei quali è e sarà realizzata artificialmente.

Come in molte parti del mondo, l'anno scorso è stato l' anno più caldo mai registrato in Cina, con temperature medie superiori ai dieci gradi Celsius.

Di conseguenza, le nevicate sono state minime nella nazione dell'Asia orientale, il che ha sollevato preoccupazioni sulla possibilità di ospitare il più grande spettacolo di sport invernali del mondo.

Invece, gli organizzatori olimpici sono ricorsi alla creazione di neve finta per le piste della stazione sciistica di Yanqing. Da dicembre 2021 290 cannoni da neve sono attivi 24 ore su 24 per prepararsi ai Giochi.

"Mi rattrista il fatto che abbiamo bisogno di così tanta neve artificiale per sostenere gli sport invernali", afferma Taylor Gold dello Snowboard Team statunitense.

Le Olimpiadi invernali diventeranno un ricordo del passato?

Gli esperti affermano che entro l'anno 2050, solo dieci delle ultime 19 sedi olimpiche invernali avranno climi adatti per ospitare gli sport sulla neve.

"La più grande minaccia che devono affrontare queste fredde regioni montuose è il riscaldamento del clima", afferma Tessa Garte, dottoranda dell'Università del Colorado-Boulder.

"Ciò ha ovviamente enormi ramificazioni per i Giochi Olimpici, così come per l'economia locale, il clima locale e il clima locale".

Il Comitato Olimpico Internazionale afferma che obbligherà contrattualmente i futuri ospiti a essere clima positivo, il che significa che dovranno rimuovere dall'atmosfera più anidride carbonica di quella che emettono.

I Giochi di Pechino, nel frattempo, dovrebbero essere completamente neutrali dal punto di vista climatico. Tutte le sedi dovrebbero essere alimentate da energia rinnovabile, mentre le quattro piste di pattinaggio utilizzeranno la tecnologia verde CO2 per il raffreddamento.

Ma le temperature insolitamente elevate significano che i Giochi richiederanno quasi 890.000 metri cubi d'acqua per creare abbastanza neve artificiale per l'evento.

È qualcosa che Taylor Gold ricorda fin troppo bene da Sochi 2014. "Stavano spruzzando alcune sostanze chimiche sull'halfpipe per cercare di mantenerlo in forma, ma se torni indietro e guardi quell'evento, è chiaro che faceva davvero caldo. Non era affatto l'ideale per lo snowboard", afferma Gold.

Lo snowboarder americano è ora membro di Protect Our Winters , un gruppo ambientalista guidato da atleti che mira a proteggere i paesaggi naturali dall'impatto dei cambiamenti climatici.

Come molti appassionati di sport invernali, è preoccupato per le implicazioni della diminuzione delle nevicate in tutto il mondo.

"Ci sono anni in cui andremo in Europa e avremo tonnellate di neve e sarà fantastico, e alcuni anni verremo e sarà sterile - oltre a dove hanno spazzato via l'uomo neve", dice la speranza olimpica.

"Cercare di fare le cose a livello individuale è fantastico, ma alla fine della giornata, abbiamo davvero bisogno di un cambiamento sistemico per avere l'impatto di cui abbiamo bisogno per preservare questi luoghi".

Fonte: Euronews Green

Articoli Correlati

Go up