Nord Stream, una delle peggiori perdite di gas naturale di sempre?

Gas dal Nord Stream

Secondo gli scienziati, la fuoriuscita di metano dai tubi del Nord Stream nel Mar Baltico potrebbe essere una delle peggiori perdite di gas naturale della storia. Sebbene i tubi violati non fossero in funzione, contenevano comunque gas naturale quando sono stati danneggiati.

Il gas naturale che fuoriesce è costituito principalmente da metano, uno dei principali contributori al riscaldamento globale.

Mentre la quantità di gas che fuoriesce dai tubi è ancora sconosciuta, gli scienziati stimano che finora sia di circa 100.000 e 350.000 tonnellate di metano, come riportato da The Guardian.

Ci sono state tre esplosioni che hanno causato i danni, la prima registrata lunedì, ma resta ancora da vedere se ci sono più buchi, quanto siano grandi le aperture e quanto gas fuoriesca. Ci sono almeno quattro falle, però, con una quarta scoperta dalla Svezia. Il Nord Stream 2 potrebbe aver contenuto 300 milioni di metri cubi di gas prima che il progetto fosse interrotto dalla Germania pochi giorni prima che la Russia invadesse l'Ucraina.

Perdita potenzialmente devastante per l'atmosfera

"Ha il potenziale per essere una delle più grandi perdite di gas", ha detto al Guardian Jasmin Cooper, ricercatrice associata al Dipartimento di ingegneria chimica dell'Imperial College London.

“I rischi climatici derivanti dalla fuga di metano sono piuttosto grandi. Il metano è un potente gas serra, 30 volte più potente della CO2 in 100 anni e più di 80 volte più forte in 20 anni".

Sebbene questa perdita non avrà un impatto sulla vita marina come fa una fuoriuscita di petrolio, l'enorme volume di perdite di gas naturale potrebbe essere devastante per l'atmosfera. Secondo l'Agenzia danese per l'energia, oltre la metà del gas nei tubi è fuoriuscita e il resto del gas dovrebbe essere emesso nell'atmosfera entro domani (2 ottobre).

Se 250.000 tonnellate di metano fuoriuscissero dai tubi, potrebbero avere un impatto climatico equivalente a 1,3 milioni di automobili che percorrono le strade per un anno.

Fonte: Ecowatch

Articoli Correlati

Go up