Green Deal: l'UE crea un Fondo sociale per il clima

Timmermans sul Fondo sociale per il clima

La Commissione europea accoglie con favore l'accordo provvisorio raggiunto con il Parlamento europeo e il Consiglio per rafforzare il sistema di scambio di quote di emissione dell'UE (ETS)applicare lo scambio di quote di emissione a nuovi settori per un'efficace azione per il clima in tutta l'economia e istituire un Fondo sociale per il clima. Questo accordo è un passo fondamentale verso il raggiungimento dell'impegno dell'UE di ridurre le emissioni nette di gas a effetto serra di almeno il 55% entro il 2030. Allo stesso tempo, il Fondo sociale per il clima contribuirà a garantire che la transizione sia equa.

Sullo sfondo dell'invasione russa dell'Ucraina, questo accordo dimostra ancora una volta la determinazione dell'UE a diventare neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050, trasformare la nostra economia e società, non lasciare indietro nessuno e garantire la sicurezza energetica dell'Unione Europea. Per integrare la cospicua spesa per il clima nel bilancio dell'UE, gli Stati membri spenderanno la totalità delle entrate derivanti dallo scambio di quote di emissione per progetti legati al clima e all'energia e per affrontare gli aspetti sociali della transizione.

Creazione di un fondo per il clima sociale         

Il nuovo Fondo sociale per il clima fornirà un sostegno finanziario dedicato agli Stati membri per aiutare i cittadini vulnerabili e le microimprese con investimenti in misure di efficienza energetica come l'isolamento domestico, le pompe di calore, i pannelli solari e la mobilità elettrica. Potrà inoltre fornire un sostegno diretto al reddito coprendo fino al 37,5% dei nuovi Piani Sociali Climatici nazionali. Comincerà a funzionare nel 2026, prima dell'entrata in vigore del nuovo ETS per i combustibili per i trasporti e per l'edilizia, e sarà finanziato con 65 miliardi di euro dal bilancio dell'UE, più il 25% di cofinanziamento da parte degli Stati membri.

Timmermans: daremo un prezzo al carbonio

Il vicepresidente esecutivo per il Green Deal europeo, Frans Timmermans, ha dichiarato: “Lo scambio di quote di emissione è il fulcro del nostro Green Deal europeo: dare un prezzo al carbonio. Un sistema di scambio di quote di emissione più forte ci aiuterà a guidare gli investimenti nella decarbonizzazione e a ridurre ulteriormente e più rapidamente le emissioni, in linea con i nostri obiettivi climatici. Con il nuovo Fondo sociale per il clima, l'UE garantirà che la nostra transizione verde avvenga in modo da proteggere i nostri soggetti più vulnerabili e aiutarli a partecipare alla transizione. Alla fine di un anno impegnativo, questa è una notizia positiva tanto necessaria; di fronte a forti venti contrari, continuiamo a realizzare il Green Deal europeo per un futuro sostenibile".

Rafforzare ed espandere lo scambio di quote di emissione dell'UE

L'ETS dell'UE dà un prezzo alla CO 2 e riduce ogni anno il livello consentito di emissioni in settori quali la produzione di energia e calore, i settori industriali ad alta intensità energetica e l'aviazione commerciale. L'accordo odierno ridurrà le emissioni dei settori ETS dell'UE del 62% entro il 2030, rispetto ai livelli del 2005 . Ciò rappresenta un aumento sostanziale di 19 punti percentuali rispetto alla riduzione del 43% prevista dalla normativa vigente. Aumenterà anche la velocità delle riduzioni annuali delle emissioni , dal 2,2% annuo con il sistema attuale al 4,3% dal 2024 al 2027 e al 4,4% dal 2028. La riserva stabilizzatrice del mercato, che stabilizza il mercato del carbonio rimuovendo le quote in eccesso, sarà rafforzata . L'accordo saràeliminare gradualmente le quote di emissione gratuite a determinate imprese e introdurre gradualmente il meccanismo di adeguamento del carbonio alla frontiera (CBAM) tra il 2026 e il 2034 per i settori coperti. Ciò fa seguito all'accordo provvisorio raggiunto sul CBAM dai colegislatori europei il 13 dicembre.

L'accordo include anche le emissioni del trasporto marittimo nell'ETS dell'UE , rendendo l'UE la prima giurisdizione a fissare un prezzo esplicito del carbonio sulle emissioni del settore marittimo. Per sostenere gli Stati membri nei loro sforzi per ridurre le emissioni degli edifici e dei trasporti su strada e alcuni settori industriali un nuovo sistema di scambio di emissioni separatopartirà dal 2027 per i relativi consumi di carburante. Sebbene finora le riduzioni delle emissioni in questi settori non siano state sufficienti per mettere l'UE sulla buona strada verso il suo obiettivo di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, il nuovo sistema garantirà riduzioni economicamente vantaggiose e genererà entrate che saranno disponibili per gli Stati membri e per sostegno nell'ambito del Fondo sociale per il clima. Questo sistema a monte regolerà i fornitori di carburante piuttosto che le famiglie e i conducenti. Sono poste in essere misure di salvaguardia per consentire l'immissione sul mercato di quote supplementari se i prezzi superano determinate soglie e per evitare doppi prezzi quando sono in vigore le misure nazionali esistenti.

Il compromesso odierno aumenta anche l'entità dei fondi per l'innovazione e la modernizzazione . Il Fondo per la modernizzazione sosterrà altri tre Stati membri nella transizione. Il Fondo per l'innovazione sarà ampliato e potrà anche sostenere gli sforzi di decarbonizzazione del settore marittimo.

Prossimi passi

L'accordo provvisorio odierno richiede ora l'adozione formale da parte del Parlamento e del Consiglio. Una volta completato questo processo, la nuova normativa sarà pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell'Unione ed entrerà in vigore.

Contesto

Dall'introduzione dell'EU ETS nel 2005, le emissioni sono state ridotte del 42,8% nei principali settori interessati: produzione di elettricità e calore e impianti industriali ad alta intensità energetica. Nel 2021, gli impianti coperti dall'EU ETS rappresentavano circa il 40% delle emissioni totali dell'UE. Le norme rafforzate saranno fondamentali per consentire all'UE di raggiungere i suoi obiettivi climatici previsti dall'accordo di Parigi e trasformare in realtà il Green Deal europeo.

Il Green Deal europeo è la strategia di crescita a lungo termine dell'UE per rendere l'Europa climaticamente neutra entro il 2050. Per raggiungere questo obiettivo, l'Europa deve ridurre le proprie emissioni di almeno il 55% entro il 2030, rispetto ai livelli del 1990. Questo accordo sulla revisione del sistema di scambio di quote di emissione e la creazione del Fondo sociale per il clima è un passo fondamentale nell'adozione del pacchetto legislativo "Fit for 55" della Commissione per realizzare il Green Deal europeo . Segue i recenti accordi sul sistema di scambio di quote di emissione per l'aviazione , sugli standard di emissione di CO2 per auto e furgoni , sul regolamento sulla condivisione degli sforzi , sul suolo, sull'uso del suolo e sul cambiamento dell'uso del suolo e sul meccanismo di adeguamento alla frontiera del carbonio.

Al termine dei negoziati, il vicepresidente esecutivo Frans Timmermans ha reso omaggio a Mauro Petriccione, l'ex direttore generale per l'azione per il clima che ha guidato i lavori della Commissione su queste proposte fino alla sua triste scomparsa quest'estate.

Fonte: Commissione Europea

Per maggiori informazioni:

Fit for 55

Proposta di revisione del sistema di scambio di quote di emissione dell'UE

Proposta di regolamento che istituisce un Fondo sociale per il clima

Sistema di scambio di quote di emissione dell'UE

Articoli Correlati

Go up